I NOSTRI SPUMANTI

Superbo, frizzante.
Spumante.

Gli spumanti Cantine Bonaparte conquistano l’appassionato, grazie ad un’elevata acidità fissa, ed al sentore decisamente secco, fresco e caratterizzato da una certa profondità degustativa quando lavorato con sapiente attenzione in cantina.

brut

Corte d'Asprinia

Vino Spumante di colore giallo paglierino chiaro con tenui riflessi dorati e un perlage fine e persistente, al naso presenta eleganti e intense note di frutta matura, erba bagnata e scorza di limone. Le uve intere vengono poste in pressa pneumatica, solo il mosto fiore è utilizzato per la spumantizzazione. Fermentazione a bassa temperatura in autoclave da 50 hl. Presa di spuma per circa 120 gg. a bassa temperatura. Residuo Zuccherino 6 g/l Ideale per crudi di mare, può ben accompagnare piatti di carne bianca, da provare su formaggi erborinati.

extra-dry

Corte d'Asprinia

Vino Spumante di colore giallo paglierino chiaro con tenui riflessi dorati e un perlage fine e persistente, al naso presenta eleganti e intense note di fiori bianchi e di mela golden. Al gusto è fresco e armonico nella sua morbidezza ben bilanciata da una vivace acidità. Le uve intere vengono poste in pressa pneumatica, solo il mosto fiore è utilizzato per la spumantizzazione. Fermentazione a bassa temperatura in autoclave da 50 hl. Presa di spuma per circa 90 gg. a bassa temperatura. Residuo Zuccherino 13 g/l. Ideale per aperitivi, antipasti e finger food, può ben accompagnare piatti delicati di pesce e verdure, anche di cucina etnica.

L’Asprinio profuma appena ma, in compenso, è di una secchezza totale, sostanziale, che non lo si può immaginare se non lo si gusta. Che grande piccolo vino.

Mario Soldati - Poeta

metodo classico

Centochiese

Nato in Francia, nella regione della Champagne, il Metodo Classico ha la cosiddetta presa di spuma ottenuta in bottiglia mediante aggiunta di lieviti selezionati e zuccheri. Il nostro Spumante Metodo Classico è ricavato da uve di Asprinio di Aversa al 100%. Aversa è meglio nota come la città delle cento chiese, di qui è nata l’idea di dare al prodotto di punta delle nostre cantine il nome di Centochiese. Il motivo grafico dell’etichetta ricalca il sagrato di una chiesa stilizzato visto dall’alto e ripetutto 100 volte.